free fonts free icons Il nostro tempo | Sito web ufficiale

Il Papa in ginocchio: convertitevi

«Il potere, il denaro che voi avete adesso da tanti affari sporchi, da tanti crimini mafiosi è denaro insanguinato, è potere insanguinato e non potrete portarlo all'altra vita». Parole dure quelle di papa Francesco contro la mafia durante la Veglia di preghiera nella Chiesa dedicata a Gregorio VII, il pontefice della riforma che ne porta il nome («gregoriana») e che fece inginocchiare l’imperatore Enrico IV a Canossa per concedergli il perdono.

L'ideologia del "genere" che capovolge la natura

 «È essenziale che i cittadini dell’Unione europea partecipino con il voto al processo democratico. Più elevata sarà l’affluenza, più forte sarà la nuova legislatura», l’ottava, 2014-2019. Dal 22 al 25 maggio i cittadini dei 28 Paesi dell’Unione europea, oltre 506 milioni di abitanti, eleggeranno i 736 componenti dell’Europarlamento: dai 5 seggi di Malta ai 72 di Francia, Italia, Gran Bretagna e ai 99 della Germania. 

Infanzia magica sul Po

«L’esordio letterario di un novantatreenne». Così recita la fascetta di «Lungo l’argine del tempo» (Skira, pp. 148, 15 euro) di Giuseppe Sgarbi, che ha per sottotitolo «Memorie di un farmacista». E’ un libro autobiografico di sorprendente freschezza narrativa, la vita vissuta da un uomo che non ha mai soffocato il bambino che era in lui, non ha mai tradito le radici dei luoghi in cui è nato, né i valori in cui ha creduto, l’onore e l’umiltà sopra tutti.

Europa, nostra sicurezza

Anche dopo la presentazione delle misure economiche del nuovo esecutivo e il suo esordio presso i principali partner all’interno dell’Eurozona, appare difficile valutare la sostenibilità finanziaria e l’accettabilità in sede europea del programma di Matteo Renzi in modo disgiunto dalle riforme istituzionali e dal ruolo della figura stessa del presidente del Consiglio e di ciò che questi politicamente rappresenta.

Un dinamismo e i suoi conti

Il passaggio è brusco: dall’esperienza meditata e gradualmente costruttiva del governo Letta, maturata nella consapevolezza dei numerosi vincoli nazionali e internazionali, soprattutto a livello europeo, si è passati ad un movimentismo impegnato ma non privo di rischi dell’attuale presidente del Consiglio (quarto nel giro di 28 mesi).

Un Papa e il "suo" giornale

Un libro che racconta la storia di un quotidiano cattolico, immersa qua e là drammaticamente nella storia non solo di un Paese, l’Italia, ma della stessa Chiesa in un momento di forti cambiamenti sociali e religiosi, sotto la spinta di una secolarizzazione di stampo liberal e/o marxisteggiante che mirava a indebolire giorno per giorno i valori fondamentali del cristianesimo. Questo, in estrema sintesi, può essere il giudizio conclusivo sul volume «Paolo VI e “Avvenire”», scritto da Eliana Versace, docente di Storia della Chiesa contemporanea presso l’Università Lumsa di Roma, e pubblicato dall’editrice Studium (pp. 184, 16,50 euro).

Edith Bruck, clandestina del mondo

Delle atrocità subite nei lager nazisti Edith Bruck, nata in un villaggio ungherese ai confini con l’Ucraina, ricorda sempre due cose che le sono rimaste stampate nella mente come scintille nel buio: la violenza di un aguzzino che la separa dalla madre per salvarla dalla schiera destinata subito alle camere a gas e il dono di un boccone avanzato da un altro guardiano infernale. Dopo tanti anni quel germoglio di umanità spunta in tutti i suoi libri, che volle scrivere in una lingua non sua, non solo perché nel suo Paese la censura non le avrebbe permesso di farlo, ma anche per rivendicare il suo distacco dalla parola “patria” e dai nazionalismi distorti che hanno permesso la tragedia della deportazione.

Maritain continua a parlarci

Il vaticanista del «Corriere della Sera», Luigi Accattoli, nel ricordare il primo anno di pontificato di papa Francesco il 12 marzo scrive un articolo dal titolo «Il Papa e la Chiesa povera che si allontana dall’Occidente», quasi che il cristianesimo sia un prodotto della cultura occidentale.

L'anno di Francesco

Mercoledì 12 marzo, per la prima volta da un anno a questa parte, cioè da quando l’arcivescovo di Buenos Aires Mario Jorge Bergoglio è stato chiamato «dai confini del mondo» a vescovo di Roma e perciò Papa della Chiesa universale, dandosi un nome mai usato prima, Francesco, piazza San Pietro è rimasta vuota.

Tutti senza colpa? Andiamoci piano

Anche Dio si è illuso. Certamente in buona fede, ma anche Lui, come tutti noi, è caduto nel grande inganno. Siamo tutti senza colpa, e quindi sono inutili le sue esortazioni, minacce, suppliche, lamenti, e sono inutili i progetti che ha elaborato perché la sua creatura desista dal comportamento che Egli giudica peccaminoso.

Molti inglesi alla fame

Come in tutto l’Occidente, anche in Gran Bretagna gli eventi in corso nell’Ucraina hanno distolto parecchio l’attenzione del governo dai problemi domestici per rivolgerla a questa emergenza internazionale. A Downing Street, peraltro, il subitaneo cambiamento di scena e soggetto, ove lo si indaghi in termini machiavellici, potrebbe perfino aver recato un momento di sollievo.

Francesco il pontefice "anticlericale"

È passato un anno da quando un gabbiano aveva preceduto la fumata bianca del comignolo della Cappella Sistina. Abbiamo vissuto un anno di rara intensità in cui la vita della Chiesa, abituata a ritmi di movimento elefantiaci e faraonici, ha subito un’accelerazione imprevedibile, eppure così necessaria. Nel giro di un anno il Papa è diventato un “superman” di cui tutti parlano, tutti scrivono, che tutti fotografano.

Cardinale Martini fedele all'Eterno e anche alla storia

«Parlerò di lui con cuore pulsante, con il “cuore pulsante” di Etty Hillesum che Carlo Maria Martini mi aveva fatto conoscere». Con queste parole, vibranti di commozione, mons. Bruno Forte, arcivescovo di Chieti, ha aperto il suo intervento nel convegno «Carlo Maria Martini - Fedele alla storia, fedele all’eterno».

Simenon e il romanzo americano

Subito dopo la guerra, Georges Simenon lascia la Francia per trasferirsi in America e ci rimane per dieci anni. E’ questo il periodo più felice e avventuroso della sua vita: da oltre un decennio è uno scrittore affermato e dal 1934 pubblica con Gallimard, il più importante e prestigioso editore francese.

Quaresima, generosità e amore

Lieve indisposizione influenzale per papa Francesco, costretto a saltare una visita pomeridiana al Seminario romano. Ma un’aspirina lo rimette in forma la mattina successiva per le udienze a cardinali, capi congregazione, ai vescovi spagnoli, al premier della Romania, Viorel Ponta. E’ Quaresima e Francesco alla prima domenica, il 9 marzo, si ritira, con gli addetti alla Curia, ad Ariccia, nel silenzio dei boschi, per gli esercizi spirituali, perché «non si conosce Dio per sentito dire». Prima, il mercoledì pomeriggio, presiede i riti penitenziali a Sant’Anselmo, la tradizionale cornice sull’Aventino, e celebra la messa nell’attigua Basilica di Santa Sabina, ricevendo le sacre Ceneri a monito della precarietà dell’uomo, che è «polvere» e alla polvere tornerà.

Condividi contenuti

SIR | Avvenire.it | FISC

PRELUM Srl - P.I. 08056990016