I molti frutti di tanto impegno

 

A cinquant’anni dal Concilio, la domanda non è solo quale sia lo stato della Chiesa, ma quale sia lo stato della fede. E non è un caso, infatti, se papa Benedetto XVI ha indetto l’Anno della fede (11 ottobre 2012-24 novembre 2013), un’occasione per riflettere e comprendere che i testi lasciati in eredità dai padri conciliari «non perdono il loro valore, né il loro smalto».

Il riscatto del Sud nelle radici della terra

 

«”Credo che sia venuta alla luce Krimisa. O comunque una città antichissima. Anzi, sono sicuro che è Krimisa….”. Io stavo muto, concentrato a scansare gli alberi sulla strada e le pozzanghere più viscide. E intanto cercavo e non trovavo le parole più semplici che avrei voluto dirgli, quelle di gratitudine per la storia che avevamo vissuto e che un giorno avrei raccontato a mio figlio. Promesso, pà (…). Ero felice, si. Perché nel fulgore di quella mattinata finalmente limpida mio padre era ancora vivo e mi aspettava sulla nostra collina per un ultimo abbraccio, il più importante della mia vita».

Michele Baretta tra sacro e profano

 

 

A venticinque anni dalla morte di Michele Baretta (1916-1987), figura di notevole rilievo nel panorama del Novecento piemontese, due mostre onorano questo artista a cui si deve la decorazione della cupola della chiesa torinese Madonna della Pace da lui affrescata nel 1958 con «Il trionfo di Maria», che integra e completa gli affreschi di due catini absidali con «La Natività» e «La deposizione», in un ciclo continuo sulla vita di Maria.

Lo sguardo verso l'Assoluto

 

Non avevamo visto male, la scorsa settimana, nell’indicare nello sguardo verso l’Assoluto, pur con premesse ed esiti differenti, la “cifra” della 69ª Mostra del cinema di Venezia.

Martini mancherà a tutti

 

Adesso siamo più soli. Come individui, come comunità dei credenti e dei non credenti, come cittadini della polis e anche come giornalisti. E’ stata la sensazione immediata, fisica e spirituale che in molti abbiamo avvertito all’annuncio della scomparsa del cardinale Carlo Maria Martini.

Strasburgo. Le miopie giuridiche

 

Talora restiamo stupiti delle sentenze di certi giudici. Fanno venire in mente la figura del dottor Azzeccagarbugli, il noto personaggio dei «Promessi Sposi» che conosce la legge ma rifiuta di aiutare Renzo, o rimandano all’immagine di quelli che usano la legge per aggiungere ingiustizia a ingiustizia.  Mi veniva in mente questa immagine ripensando alla recente sentenza dei giuristi della Corte dei diritti dell’uomo di Strasburgo.

Intercettazioni: legalità a rischio

E’ ingannevole e infida la polemica di quest’estate sulle “intercettazioni” del Capo dello Stato: ed è altresì falsa, perché ha bersagli ed obiettivi ben diversi da quelli che, consapevolmente, ci si vuol far credere.

La dignità della persona e l'eterno amore di Dio

 

A nostra memoria non c’è mai stato, per la morte di un cardinale di Santa Romana Chiesa, un tale mare di cronache, di memorie, di commenti, di editoriali, sui giornali e su Internet, come quello che ha seguito e accompagnato fino alla tomba nel Duomo di Milano la scomparsa di Carlo Maria Martini.

Un Pastore nato (e molto altro)

 

Si racconta che prima di nominarlo arcivescovo di Milano, Giovanni Paolo II fosse rimasto impressionato da un suo libro e avesse detto al cardinale Sebastiano Baggio, prefetto della Congregazione dei vescovi: «Vi ho trovato l’animo di un pastore nato, l’uomo adatto alla diocesi di Milano».

La Terra non ha più risorse per tutti

Siamo a debito. Lo sono molte famiglie italiane, che non riescono più ad arrivare alla fine del mese. Lo è l’intero Paese, che vede il proprio deficit pubblico aumentare nonostante (o a causa di?) una politica tutta tagli, sacrifici e lacrime.

Santa Rita maestra di speranza

 

Nella spiritualità dell’Umbria Cascia fa quasi da contraltare ad Assisi. Ad Assisi colpisce un clima spirituale che tende ad irradiarsi nel mondo; a Cascia, invece, si coglie la dimensione devozionale, popolare e un senso di affidamento delle umane inquietudini a Santa Rita.

Il Papa in Libano missione difficile

E’ lo spirito e il vento di rinnovamento che soffia costantemente nella Chiesa e la mantiene giovane e radicata nella fede e nella tradizione, aperta a tutti i popoli e a tutte le genti. E il tema «Fede» è dominante in questo tempo che si apre con l’inizio dell’autunno e quindi con la piena ripresa delle attività che si potrebbero ritenere normali se non altro perché previste e segnate nel calendario.

Venezia: il cinema e la fede

C’è un filo rosso, sottile ma ben visibile, che lega molte delle pellicole proiettate finora alla 69ª Mostra del cinema di Venezia, fuori e dentro il concorso.

Sguardi sul Novecento da Casorati a Guttuso

La mostra «Sguardi sul Novecento, collezionismo privato tra gusto e tendenza» aperta fino al 30 settembre a Bordighera nelle stanze e nei saloni della prestigiosa Villa Regina Margherita della Fondazione famiglia Terruzzi è una sorta di museo nel museo perché affianca alle opere della fondazione, una scelta di 55 opere, tra quadri e sculture di 25 artisti italiani e 8 europei.

La "guerra" Washington-Bruxelles

 

Se da un lato l’ormai imminente pausa agostana sembrerebbe prestarsi bene ad un bilancio di non brevissimo periodo dell’operato del governo “tecnico”, dall’altro una valutazione risulta particolarmente difficile alla luce di uno scenario economico e finanziario internazionale che assume, sempre più chiaramente, i contorni di una vera e propria guerra finanziaria tra le maggiori aree economiche del pianeta. In tale contesto, i progressi per certi versi eccezionali degli ultimi otto mesi rischiano di venire, se non cancellati, almeno in buona parte trascurati.

Condividi contenuti

SIR | Avvenire.it | FISC

PRELUM Srl - P.I. 08056990016