aprile 2014

Via Crucis dell'oggi

Quest’anno le meditazioni della Via crucis del Venerdì santo, presieduta da papa Francesco, il 18 aprile al Colosseo e trasmessa in mondovisione, saranno scritte da monsignor GianCarlo Maria Bregantini, arcivescovo di Campobasso-Boiano, che i lettori de «il nostro tempo» conoscono bene perché ha commentato ogni settimana le Sacre scritture su queste colonne dal febbraio al luglio del 2013.

Padre Girotti: due vite

Ho davanti a me i due gioielli di padre Giuseppe Girotti. Si tratta di commenti alla Sacra Bibbia: «I Sapienziali» (1939) e «Il libro di Isaia» (1941). Sono più di mille pagine nelle quali il giovane frate coniuga con naturalezza il candore del bimbo e l’erudizione del sapiente. I testi sono dedicati alla Consolata e qui, con allucinante trasparenza, appare la sua scarnificante Via Crucis. Alla luce del suo martirio le parole rivolte alla Vergine sono uno spaccato struggente della sua vita: «… Fu lei che ci salvò da estreme angustie e ci fece il dono più prezioso. Più bello, più grande che mai potessimo desiderare… a Lei, quindi lo doniamo quale tenue espressione di un immenso affetto».

La bimba salvata dai delfini

«Una bambina salvata in mare dai delfini cresce orfana su un’isola greca. Si chiama Irene, di giorno vive in terraferma, di notte si unisce in mare alla sua vera famiglia. a quattordici anni è incinta e consegna a uno straniero di passaggio la sua storia».

Torino sotto le bombe

C’è la Balilla rossa 508C con cui i vigili del fuoco correvano a spegnere gli incendi sulle macerie. Ma ci sono anche le divise da gerarca fascista, le uniformi da pompiere e le maschere antigas per i civili: struggente la fotografia di una esercitazione in classe proprio con quelle maschere scattata negli anni Quaranta.



SIR | Avvenire.it | FISC

PRELUM Srl - P.I. 08056990016